L’estrazione perfetta tra sinistra e destra

L’estrazione perfetta tra sinistra e destra

Termoli – Fonte: TermoliOnLine –  Un sorteggio vissuto in un clima sin troppo cordiale quello che ieri pomeriggio ha visto decine e decine di persone, di delegati, di curiosi, di candidati e di giornalisti gremire la sala consiliare del comune di Termoli.

Una folla così esagerata non era attesa, tanto più che i prescelti locali dell’anagrafe, dove si sarebbe dovuta svolgere l’estrazione per i candidati a sindaco e le rispettive liste di sostegno, sono risultati troppo angusti per poterli contenere tutti e allora, in forma plateale, si è deciso di trasferire la procedura nell’aula più ampia, dandone la connotazione di un vero e proprio show.

Nell’era della tecnologia fa tenerezza assistere ai fogliettini nelle urne di cartone, benché le scritte al loro interno fossero state digitate al computer, una parvenza di modernità, ma si sa, la burocrazia è dura a morire in Italia.

I cinque componenti dell’ufficio elettorale circoscrizionale, al lavoro incessantemente, salvo qualche ora di sonno recuperata all’alba di tre mattine consecutive, hanno chiesto l’ausilio proprio dei delegati di lista per compiere le operazioni di estrazione.

In serie, i cinque candidati a sindaco, le 18 liste, sì 18 perché, come detto, manca In comune per Termoli, prima in ordine generale, utile per assegnare la casella di propaganda diretta sui tabelloni elettorali, ove affiggere, magari nel rispetto della legge e degli altri, i manifesti, e quindi per classificare all’interno del riquadro del sindaco sostenuto le rispettive liste.

In fondo alla sala, una presenza discreta, ma fondamentale nel percorso che ha portato al sorteggio, dopo l’analisi di migliaia e migliaia di riferimenti elettorali, i dipendenti comunali che hanno garantito supporto logistico e amministrativo, nonché umano. Interessante la disposizione delle cinque aspirazioni al soglio sindacale sulla scheda elettorale, dove la sinistra sarà a sinistra (Monaco, Gatti e Fasciano, quest’ultimo una civica, in realtà) e a far da cuscinetto, pericoloso, tra loro e Di Brino proprio Di Giandomenico.

Il primo schieramento che verrà da sinistra sarò quello di Filippo Monaco, con al suo fianco, in rigoroso ordine di apparizione, Liberatermoli, Riformisti per Termoli, Partecipazione democratica, Federazione della Sinistra e Italia dei Valori. Al suo fianco o sotto, vedremo l’impostazione dei fac simili, le due candidature monocellulari, come Antonio Fasciano ed Erminia Gatti.

Infine, a destra, ovviamente, Remo Di Giandomenico (prima Popolari Liberali e quindi Termoli Giovane) e Basso Antonio Di Brino, di lista si parte con la Destra, Molise Civile, Progetto Molise, Pdl, Adc, Udc, Il Popolo di Termoli per Di Brino, Dc e Udeur.

L’estrazione perfetta tra sinistra e destraultima modifica: 2010-03-02T22:49:59+01:00da nuovatermoli
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento